IRENE STRACCIATI

Danzatrice di formazione classica. Si occupa di ricerca coreografica nella danza contemporanea e di regia. Ha un a propria scuola di formazione professionale per giovani danzatori.
Ha ideato e conduce il laboratorio non_terapia che prevede un percorso teso alla formazione professionale nella danza e nel teatro di giovani portatori disindrome di Down e altri handicap intellettivi attraverso un percorso qualitativo, professionale e non ludico.
E’ stata dal 2007 al 2015 assistente alla regia e alla coreografia di Virgilio Sieni, coreografo internazionale ex direttore della Biennale danza di Venezia, per la produzione del Comune di Siena e Cango, Adagio quasi in luce e Grande Adagio all’imbrunire con
anziani dai 65 agli 80 anni, e al progetto per bambini, Casa d’Oro (2007_2008); la conduzione del laboratorio Universo Meraviglioso con bambini di 11 anni e la realizzazione di un film/corto ambientato sulle crete senesi (2009-2010); la conduzione del laboratorio Gesti poetici nella notte e lo spettacolo realizzato all’interno della Pinacoteca Nazionale, Notte Beccafumi, novembre 2010. Assistente al progetto Madri e figli, svolto da ottobre a dicembre 2011 in collaborazione con la Pinacoteca Nazionale, Famiglie svolto
nel dicembre 2012 presso la Pinacoteca Nazionale di Siena, Cenacoli Fiorentini, luglio 2013 a Firenze, Marsiglia Capitale della Cultura Europea 2013, La democrazia del Corpo, novembre 2013/marzo 2014; Tenerissimo, dicembre 2013 Cango Cantieri
Goldonetta; Deposizioni e Visitazioni all’interno della mostra Pontormo e Rosso Fiorentino
Presso Palazzo Strozzi, Firenze; Madri e Figli, cortile di Palazzo Strozzi all’interno della mostra Questioni di famiglia, primavera 2014 Firenze; Vangelo Secondo Matteo, Biennale Architettura luglio 2014; cenacoli Fiorentini_grande Adagio Popolare 9-12 settembre 2014; cenacoli fiorentini 2015; Pinocchio, con un danzatore non vedente, Madrid settembre 2015.
Dal maggio 2014 ha iniziato una collaborazione con l’associazione Down Dadi di Padova, ad oggi il gruppo è diventato una compagnia vera e propria, EgoSum, e ha debuttato con lo spettacolo Gli indistinti Confini, liberamente ispirato alle Metamorfosi di Ovidio,
all’interno dell’evento Metamorfosi (2015)Amleto_the grief( 2016) The Macbeths( 2017) Come d’autunno sugli alberi le foglie( 2019). Collabora con l’attore Andrea Carnevale con l’ideazione e l’interpretazione dello spettacolo Tangere( spettacolo dedicato a Pasolini, sull’incontro di Maria Maddalena e Gesù). Si occupa della regia e coreografia della
performance all’interno della Pinacoteca di Siena Oro di vita_vita d’oro, dedicata all’oro nella pittura senese del ‘300.
Dal 2017 tiene un laboratorio di danza contemporanea presso la Cooperativa Nazareno di Carpi (MO) con persone con disturbi psichiatrici. Anche in questa realtà è nata una compagnia composta da cinque elementi che ha fatto il suo debutto Internazionale a Baku,
Azerbaijan presso il Centro Heydar Aliyev di Zaha Hadid, nel dicembre 2019.